Numero storia

Storie

Ultime Storie Inserite


L'ultima storia è il numero 13492

cliccare sul quadrato a bordo linea, se esistente, per vedere altre storie che modificano la trama in quel punto;
se non c'è il quadrato vuol dire che non ci sono storie che modificano la trama in quel punto.


C'era una volta
l'inferno.
Sta entrando una dannata:
scalza
coperta da stracci
senza gioielli,
si sta dirigendo alla macchina dei peccati
Che ha la forma di:
macchina consegna scarpe e ciabatte
una mamma dice a sua figlia di 7 anni:
- consegna le ballerine alla macchina!!
- no, non voglio!!
- devi!!!
- non lo faccio!!!
- se non lo fai ti butto nel fuoco
- buttami. non ho paura di bruciare!!!
A questo punto la mamma era talmente arrabbiata che avrebbe buttato sua figlia nel fuoco.
ma non la buttò. però le disse.
- figlia mia ora ti porto in una cella del convento. dove verremo portare e verranno chiuse dentro, dopo ci verrà buttata via la chiave.
- perché mamma?
- sono stata cattiva
- si. sei stata cattiva!!
- perché verrai punita anche tu?
- non ti ho educato bene.
- ma non te lo meriti.
- si invece. e poi è anche parte della tua pena.
- che pena è?
- vedere tua mamma punita per colpa tua!!!
arrivano al monastero, la mamma disse alla piccola:
- togliti le scarpe e cammina scalza.
- fatto
- girati di schiena e con le mani dietro!
- perché?
- così ti lego le mani con una corda.
- perché?
- purtroppo devo.
- ok mamma legami. - chiese la piccola
dopo la mamma si tolse le scarpe e disse alla guardiana:
- legami le mani - girandosi di spalle e consegnando le mani dietro la schiena.
a questo punto mamma e figlia vanno nei sotterranei dove si trova la loro nuova cella
la guardiana le fece entrare. prima la figlia e poi la mamma. entrarono in silenzio e rassegnate.
la guardiana chiuse la porta a chiave e buttò la chiave nel fuoco sotto gli occhi di mamma e figlia.
a questo punto la figlia disse:
- usciremo mai?
- no, rispose la madre, la chiave è stata distrutta, dal fuoco, per i nostri peccati.
- nostri o solo miei? - chiese la piccola
- nostri! - rispose la mamma e continuò: - anche io ho peccato.
la guardiana se ne va nella sua cella.
- inginocchiati a terra insieme a me e prega fino a svenire - disse la mamma alla piccola.
mentre lo disse, la mamma si stava inginocchiando sui ceci.
- perché ti stai inginocchiando sui ceci? chiese la piccola?
per i miei peccati?
- in cella erano scalze, velo, e tunica lunga, tutte di nero, segno di eterna penitenza.
mamma e figlia si inginocchiano spesso a terra
e patiscono spesso la fame e la sete per il loro peccato
dormono anche sdraiate a terra per pagare il loro peccato

elenco di tutti i temi trattati in questa storia!!

Capelli
Chiavi e Lucchetti
Gioielli
Inferno
Mamma E Figlia
Monache E Frati
Piedi
Punizione
Scalzi
Scarpe
Silenzio
tunica
tutti i tipi di abito
tutti i tipi di scarpe
Velo