FantogameFantoStorieFantoBarzellette

Le mie storie



Numero pezzo


L'ultimo pezzo della storia è il numero 4947





cliccare sulla riga, se selezionabile, per vedere altre storie che modificano la trama in quel punto;
se non è selezionabile, non ci sono storie che modificano la trama in quel punto.



Ultime Storie Inserite
C'era una volta
l'inferno.
Sta entrando una dannata:
scalza
coperta da stracci
senza gioielli,
si sta dirigendo alla macchina dei peccati
Che ha la forma di:
macchina per creazione abiti da sposa
a tale macchina si fanno condannare 10 spose che hanno giocato con i loro matrimoni.
il loro vestito verrà legato a 2 palle da cannone, si dovranno sposare in chiesa,
scalze.
anelli pesanti le bloccheranno i piedi.
devono camminare piano, per non fare andare in pezzi il vestito.
camminerà molto lentamente per aumentare.
2 bambine faranno le damigelle alle spose, che sono le loro mamme.
una chiede alla sua mamma:
- mamma perché mi stai mettendo le catene ai piedi?
- perché devi soffrire piccola mia.
- ti sposi in chiesa?
- no sulla roccia, e saremo scalze per penitenza.
- ci faremo male ai piedi?
- si piccola mia.
- mamma ti sposi con il tuo amante?
- no con la sofferenza del peccato.
- ti dispiace più che soffri tu o io?
- che soffri tu, piccola.
- mamma perché ti stanno saldando le catene ai piedi?
- per non poter chiedere il divorzio.
- contenta?
- sì, e no, si perché me lo merito, no perché non vorrei soffrire?
- se non volessi averle potresti in qualche modo evitarle?
-si, facendoti incatenare, o portandoti in monastero.
- ok mamma, vada per il monastero.
- ok piccola, dopo diventerà monaca come te!
- diventerai superiora?
- no reclusa, come te.
- in convento saremo in catene?
- sì, ma solo che ci impediscono di fuggire.
- avremo una stanza o una cella?
- cella con le sbarre alle finestre, una porta comunicante fra le nostre 2 celle e 2 porte che danno verso l'esterno che la superiora o, le nostre guardie, possono chiudere a chiave, con noi dentro, inoltre - continua la mamma- solo tu, puoi, per la tua privacy, chiuderti dentro, io non voglio avere nemmeno questa minima privacy.
a questo punto, dopo che la mamma si è sposata, consegna la piccola al monastero;
quindi la sposa va in luna di miele nel deserto, vestita scalza e da sposa.
ci deve rimanere 3 anni e 3 mesi come promesso da lei a DIO per pagare i suoi peccati.
la permanenza nel deserto, inoltre, comporta questa legge, il cui non rispetto, farà soffrire la figlia, in un modo non ancora definito.
lo scoprirà solo se sua figlia fosse stata punita, e solo al suo ingresso nel monastero.
la legge di questa luna di miele nel deserto ha questi articoli:
1. giorni di digiuno:
a) tutti i venerdì
b) primi 30 giorni dopo il matrimonio. domeniche comprese.
c) i 30 giorni dopo ogni anno che passa nel deserto.
d) gli ultimi 30 giorni della luna di miele.
2. comunioni e messa: è consentita prendere una messa e comunione in tutti i giorni non di digiuni, e in anche tutte le domeniche, anche se di digiuno.
3. per ringraziare DIO, dopo la messa bisogna baciare l'altare, o, in quaresima, a terra.
4. dormire sempre all'aperto.
5. è consentito, dopo la prima notte della luna indossare abiti, neri come il peccato.
6. i trucchi vanno sigillati prima di entrare nel deserto.
7. il cellulare va consegnato al convento.
8. pena volontaria, la sposa fa voto di silenzio perenne, non lo sblocca più, nemmeno alla fine del deserto.
la dannata saluta con un abbraccio la piccola, consegna i trucchi per il sigillo, e il cellulare alle suore.
quindi si incammina.
conosce che gli abiti neri li troverà nel deserto.
porta con sé solo una bottiglietta d'acqua frizzante da mezzo litro.
inizia
così la sua avventura nel deserto.
×

Fantostorie.it